La tiroide

Che cos'è.

La tiroide è una piccola ghiandola a forma di farfalla, che si trova nella parte anteriore del collo, proprio al di sotto del pomo d'Adamo. Ha due lobi collegati da un sottile istmo; ogni lobo è grande circa quanto la falange ungueale del pollice della mano, con lunghezza di circa 4 cm e larghezza di 1-2 centimetri.


A cosa serve?

La tiroide ha un ruolo importantissimo nel controllare il metabolismo del corpo, cioè tutte le funzioni del corpo. Per farlo, produce degli ormoni specifici, la T4 (tetra-iodotironina) e la T3 (tri-iodotironina), sostanze contenenti iodio, che viaggiano nel sangue per raggiungere tutti gli organi. Sono gli ormoni tiroidei a dire all'organismo quanto veloce deve lavorare e come usare l'energia; essi inoltre hanno un ruolo fondamentale nella crescita e nello sviluppo degli organi: regolano la velocità dei battiti del cuore, il livello di colesterolo, il peso corporeo, la forza muscolare, le condizioni della pelle, la vista, il ritmo delle mestruazioni, lo stato mentale e tante altre funzioni.

Gli ormoni contengono iodio, che pertanto è un componente essenziale per la loro produzione. Lo iodio proviene dall'acqua che beviamo e dai cibi che mangiamo; è importante quindi che sia presente in quantità sufficiente nella nostra alimentazione. Una carenza di iodio determina un malfunzionamento della tiroide e la tendenza al gozzo.


Come funziona?

La tiroide lavora come un impianto di termosifone: se c'è sufficiente quantità di ormoni tiroidei in circolo, la ghiandola smette di produrli (proprio come un termosifone che si ferma quando c'è sufficiente calore nella casa). Quando il corpo ha bisogno di più ormoni tiroidei, la ghiandola ricomincia a produrli.

L'ipofisi, una ghiandola situata alla base del cervello, lavora come il termostato, dicendo alla tiroide quando aumentare o ridurre la produzione ormonale. L'ipofisi invia l'ormone TSH alla tiroide per dire che cosa deve fare.


A quali alterazioni può andare incontro?

La tiroide può produrre una quantità eccessiva di ormoni (ipertiroidismo), facendo sì che il corpo usi energia più velocemente del normale, o troppo poca (ipotiroidismo), facendo usare l'energia più lentamente. La ghiandola può subire infiammazioni (tiroiditi) o ingrandirsi (gozzo), o produrre una o più tumefazioni (noduli); alcuni di questi noduli possono essere sedi di tumori.


Con quali indagini si può studiare la tiroide?

La tiroide può essere studiata con differenti indagini: la scintigrafia, l'ecografia, i dosaggi degli ormoni circolanti, l'agoaspirato, la radiografia, la tac, la risonanza magnetica.


E' importante quindi accertarci della buona salute della nostra tiroide.

Fai anche tu quindi l'autoesame della tiroide!


 

Domande che vengono poste frequentemente.

 

Attenzione: Le informazioni riportate in queste pagine hanno uno scopo esclusivamente divulgativo e non vogliono essere una consulenza medica o professionale. Non devono essere usate per diagnosticare o trattare problemi di salute. Non rappresentano un sostituto della professione medica. Se pensate di avere un problema di salute, consultate il vostro medico.

                   

Ipertiroidismo   Ipotiroidismo   Gozzo   Noduli   Tiroiditi   Tumori
Scintigrafia   Ecografia   Analisi ormonali   Agoaspirato  
FAQ   Autoesame della tiroide   Iodio
La tiroide
Home