Tiroiditi

Che cosa sono?

Le tiroiditi sono le infiammazioni che colpiscono la ghiandola.
Possono essere di diverso tipo, con origine e andamento clinico diversi.

Qual'e' la causa?

Le tiroiditi acute sono rare e secondarie ad una infezione batterica che determina la formazione di pus.
Le tiroiditi subacute riconoscono in genere una origine virale e si verificano spesso dopo una infiammazione delle alte vie aeree (faringiti, laringiti).
Le tiroiditi croniche invece non sono per nulla rare e riconoscono in genere una causa autoimmunitaria (tiroidite di Hashimoto), ossia la produzione di anticorpi contro alcune importanti strutture della tiroide. La conseguenza è spesso il sovvertimento della struttura della ghiandola, che diventa molto piccola ed incapace a produrre ormoni tiroidei in quantità sufficiente.

Come si manifestano?

Le tiroiditi acute si manifestano con un quadro di infiammazione importante, dolore spontaneo, alla palpazione ed alla deglutizione, febbre alta.
Anche nelle
tiroiditi subacute il dolore al collo, spesso irradiato alle orecchie, è il sintomo più importante; la ghiandola aumenta di volume, è di consistenza dura e molto dolente.
Una forma particolare di tiroidite subacuta è la
tiroidite postpartum, che si verifica qualche settimana o mese dopo il parto e caratteristicamente non si accompagna a dolore.
Le
tiroiditi croniche invece hanno una sintomatologia sfumata e spesso decorrono senza che il paziente avverta alcun fastidio; vengono riconosciute nella fase degli esiti, quando il quadro ormonale dell'ipotiroidismo è diventato conclamato.

Come sono le analisi di laboratorio?

Nelle tiroiditi acute e subacute diventano molto alterati gli indici aspecifici di infiammazione (VES, proteina c reattiva, alfa2globuline, fibrinogeno ecc); nelle subacute in genere è presente una transitoria fase di ipertiroidismo all'inizio, della durata di pochi giorni, seguita dal ritorno ad una normale funzione.
Nelle tiroiditi croniche invece sono spesso presenti gli anticorpi antiperossidasi tiroidea (AbTPO) ed antitireoglobulina (AbTg) e, nella fase degli esiti e nel viraggio all'ipotiroidismo, incremento del TSH e diminuzione della tiroxina (T4).

Come si curano ?

Le infiammazioni acute vengono trattate con antibiotici e possono richiedere a volte l'intervento chirurgico.

Quelle subacute richiedono un terapia con antiinfiammatori, spesso con derivati del cortisone.

Le tiroiditi croniche in genere vengono curate con terapia sostitutiva con ormone tiroideo (T4) in caso di tendenza alla diminuzione della funzione tiroidea (ipotiroidismo).

Ipertiroidismo   Ipotiroidismo   Gozzo   Noduli   Tiroiditi   Tumori
Scintigrafia   Ecografia   Analisi ormonali   Agoaspirato  
FAQ   Autoesame della tiroide   Iodio
La tiroide
Home