Home
Chi sono
Mostre in corso e passate
Disegno
Acquerello
Olio
I 7 VIZI CAPITALI
Incisione
Copie d'autore
Recensioni
Guestbook
Scrivimi
 
   
 


Tecniche di incisione calcografica

 Acquaforte

La prima fase del procedimento consiste nella stesura uniforme di un sottile strato di vernice a base di cera d’api su una lastra più frequentemente di rame o di zinco, che viene poi annerita con il nerofumo: su di essa l’artista esegue il disegno con una punta d’acciaio, che rimuove la pellicola nella sua traccia. Quindi si procede al bagno di morsura: la lastra viene immersa nell’acido nitrico (detto un tempo “acqua forte”) che, penetrando unicamente nei punti in cui la vernice è stata asportata, la incide più o meno in profondità a seconda della durata dell’immersione. Una volta pulita, la lastra è pronta per ricevere l’inchiostro, che riempie i solchi creati dall’acido. Infine si posa sulla matrice così ottenuta un foglio di carta umido che, premuto con un torchio, assorbe l’inchiostro riproducendo specularmene il disegno inciso.

 Acquatinta

Secondo il procedimento più diffuso, la matrice (di rame o di zinco) viene preliminarmente granulata, ovvero riscaldata e cosparsa di granelli di resina o bitume, che fondendo vi aderiscono formando una superficie rugosa irregolare. L’acido nitrico, applicato con un pennello o mediante immersione, giunge a corrodere il metallo filtrando attraverso i minuscoli interstizi del rivestimento, determinando quelle microcavità che conferiscono il caratteristico aspetto punteggiato della acquatinta.
Un’altra tecnica consiste nello stendere sulla lastra uno strato compatto di vernice e nel cospargerne di sale la superficie ancora fresca. Una volta seccata la vernice, la matrice  viene  immersa in  acqua calda  per
sciogliere il sale lasciando piccoli buchi nel rivestimento che permettono la morsura del metallo sottostante durante l’immersione in acido.
Successivi bagni nell’acido consentono di approfondire le depressioni e gli incavi della lastra, e di conseguenza di ottenere una grande varietà di toni e sfumature nella stampa.

Punta secca

Questa è una tecnica diretta in quanto si intacca il metallo della lastra “direttamente” con una punta d’acciaio senza la mediazione di un erosivo chimico.
La punta lacera solo in superficie la lastra formando delle minuscole escrescenze, dette “barbe”, che saranno in grado di trattenere l’inchiostro.
La stampa sulla carta presenta delle caratteristiche inconfondibili: il segno appare vellutato e irregolare.

EL PASSADOR                                    acquaforte e acquatinta anno 2004

FOGLIE                                                           acquaforte e acquatinta anno 2004

GATTO NERO                                                           acquaforte e acquatinta anno 2004

NATURA MORTA                                      acquaforte e acquatinta anno 2004

CRISTO                                                               acquaforte e acquatinta anno 2004