COMUNICATO STAMPA n. 1

  S. Giuliano di Puglia, 9 novembre 2002

 

OGGETTO: ASSOCIAZIONE S. GIULIANO DI PUGLIA 31/10/2002

 

Il  “Comitato vittime della scuola elementare 31/10/2002,  ha costituito l’associazione “S. Giuliano di Puglia 31/10/2002”.

L’Associazione, che non ha fini di lucro, ha lo scopo di tutelare la memoria dei defunti nel terremoto del 31/10, tutelare legalmente i familiari delle vittime, esercitare un controllo democratico sull’attuazione degli aiuti, promuovere un centro polifunzionale destinato alla valorizzazione del tempo libero, costituire una scuola di musica, promuovere attività parascolastiche quali ad esempio laboratori fotografici e linguistici.

 

Per ulteriori informazioni:            Sig. Adriano Ritucci

 

tel. 0874/737484

                               Fax 0874/737487

                               e-mail vittimedellascuola@tiscali.it

                                sito internet:                                                           

http://web.tiscali.it/vittimedellascuola/vittimedellascuola

COMITATO VITTIME DELLA SCUOLA ELEMENTARE 31/10/2002 DI SAN GIULIANO DI PUGLIA


 

COMUNICATO STAMPA n. 2

 

                                                                       

San Giuliano di Puglia (CB) 12 novembre 2002

 

Oggetto : Contro l’abuso delle pubblicazioni di foto ed immagini dei bambini di San Giuliano

 

Il Comitato vittime della scuola elementare 31/10/2002 è profondamente scosso ed amareggiato dalla continua pubblicazione non autorizzata delle foto e delle immagini dei bambini vittime del terremoto.

 

E’ assolutamente indegno per un paese civile speculare sul dolore di persone già così profondamente ferite.

 

Invitiamo tutti gli organi preposti al controllo ed alle sanzioni ad intervenire tempestivamente per interrompere questa inutile e dannosa pratica.

 

Il Comitato si appella alla sensibilità di tutti ed in particolare delle autorità istituzionali ed associative affinché proteggano i genitori delle vittime in questa delicata situazione.

 

In ogni caso, sarà dovere del Comitato intervenire legalmente per salvaguardare i propri diritti e proteggere i propri sentimenti.

 

 

Per informazioni

 

                                    Sig.             Adriano Ritucci

                                                Tel 0874/737484-5

                                                Fax 0874/737487

                                                E-Mail:  vittimedellascuola@tiscli.it

                                                http:://web.tiscali.it/vittimedellascuola/vittimedellascuola/  


 

COMUNICATO STAMPA N. 3

Protocollo del Comitato delle famiglie

del terremoto di San Giuliano di Puglia per la stampa

Con il presente protocollo il Comitato delle famiglie delle vittime del terremonto di San Giuliano di Puglia (il Comitato) intende proteggere la privacy delle vittime del terremoto e dei loro familiari.

 

1.     I mezzi di comunicazione devono accedere a tutte le informazioni relative alle vittime e ai loro familiari esclusivamente consultando il rappresentante del Comitato, persona incaricata ufficialmente a quest’uopo e membro di una delle famiglie aderenti.

 

2.     Tutte le immagini che possono ledere la dignità personale delle vittime del terremoto di San Giuliano di Puglia e dei loro familiari devono essere messe a disposizione del Comitato.

 

3.     Il Comitato richiede la stretta applicazione della “Carta di Treviso”, convenzione stipulata tra le associazioni per la difesa dei diritti dei minori e le organizzazioni rappresentative dei mass media.

 

4.     Nessun soggetto fisico o privato può trarre vantaggio economico trattando con i mezzi di comunicazione l’uso delle immagini delle vittime del terremoto di San Giuliano di Puglia e dei loro familiari, né dalla partecipazione a trasmissioni televisive su questo argomento. Spetta esclusivamente al Comitato, nella persona del suo rappresentante, relazionarsi con i mass media per la concessione di immagini e interviste.

 

5.     Il Comitato chiede ai mass media uno spazio gratuito per poter comunicare tanto sullo stato di fatto della realizzazione del piano di ricostruzione del paese di San Giuliano di Puglia, quanto sull’impegno della pubblica amministrazione e di tutti gli enti impegnati nella sua realizzazione.

 

6.     Il Comitato svolgerà un’attività di monitoraggio e informerà l’opinione pubblica attraverso i mass media sullo stato di avanzamento del piano di ricostruzione di San Giuliano di Puglia. In questo modo, sarà garantita agli abitanti della cittadina una pressione costante sull’opinione pubblica, gli amministratori e i politici e si eviterà che, nel breve periodo, speculatori possano approfittare della situazione.

 

7.     Il Comitato chiede garanzie ai mass media affinché non interrompano la loro opera di comunicazione sulle richieste e le denunce degli abitanti delle zone terremotate. 


 

COMUNICATO STAMPA N. 4

San Giuliano, 15 novembre 2002-11-12

 

Caro Direttore,

 

            abbiamo davanti a Noi la pagina  25 di repubblica del 12 novembre   ed i nostri sentimenti variano fra l’offeso e l’indignato

 

Ci chiediamo  se il diritto di informazione possa permettersi di oltrepassare i limiti che Voi avete ampiamente superati: la foto dei Piccoli Angeli con commenti macabri”….nome ….gambe amputati …”. Dove è finita la Carta di Treviso, dove dové é il Garante… !!!

 

            Ma come Vi permettete, chi Vi ha dato il permesso di utilizzare i sentimenti ed il dolore di chi ha già avuto abbastanza.

 

            Perché avete pubblicato la foto dei nostri piccoli, tanto più che non aggiunge niente alla notizia.

 

            Stiamo valutando con i nostri esperti e legali quali azioni intraprendere sia sul fronte strettamente di tutela legale sia e soprattutto di informazione dei lettori e degli investitori pubblicitari.

 

 

            Auspichiamo una presa di distanza da questa modalità di dare e fare informazione da parte di Repubblica, Del suo Direttore, dei suo Giornalisti con i loro organismi di rappresentanza professionale e sindacale .

 

Comitato Vittime della Scuola elementare 31/10/2002.

 

 

Ps:

Questa lettera verrà inviata ad una mailing list di testate locali, nazionali ed internazionali alle associazioni di categoria dei giornalisti, alle associazioni dei consumatori, alle associazioni sindacali ed all’Assocomunicazione, all’Upa, ed ovviamente  All’Autorità Garante della Privacy…..


COMUNICATO STAMPA N. 5

 

Si stanno verificando in questi giorni deprecabili atti di sciacallaggio a danno della memoria dei nostri figli, perpetuati da quanti con il pretesto di fare informazione pubblicano le foto di questi bimbi, senza alcuna autorizzazione, saccheggiando i cimiteri e la nostra dignità di padri e di madri. E’ assolutamente indegno per un paese civile speculare sul dolore di persone già così profondamente ferite.

 

Il Comitato Vittime della Scuola ha sporto querela, al posto di Polizia presso il C.O.M. di San Giuliano di Puglia avverso il settimanale VISTO, presentata dal sig. Adriano Ritucci Presidente del  Comitato e diffida chiunque dalla pubblicazione non autorizzata di foto o immagini offensive della memoria delle vittime.

Invita tutti gli organi preposti al controllo ed alle sanzioni ad intervenire tempestivamente per interrompere questa inutile e dannosa pratica.

Si appella inoltre alla sensibilità di tutti ed in particolare delle autorità istituzionali ed associative affinché proteggano i genitori delle vittime in questa delicata situazione.

Richiede la stretta applicazione della “Carta di Treviso”, convenzione stipulata tra le associazioni per la difesa dei diritti dei minori e le organizzazioni rappresentative dei mass media.

 

COMUNICATO STAMPA n.6

 

San Giuliano di Puglia 21/11/2002

 

 

 

Oggetto : Comitato vittime della scuola elementare 31/10/2002

 

I genitori delle vittime del terremoto del Molise hanno costituito l’Associazione <<San Giuliano di Puglia 31/10/2002 ONLUS>> che ha come scopo sociale, tra l’altro, la tutela della memoria dei bimbi deceduti nel crollo della scuola, la promozione di un centro di volontariato per la protezione civile, la costituzione e/o gestione di un centro polifunzionale destinato alla valorizzazione del tempo libero, che promuova attività culturali, artigianali, artistiche, formative, di documentazione, la costituzione di una scuola di musica e la promozione di attività parascolastiche.

I genitori hanno conferito incarico ad un gruppo di professionisti, coordinati dal Prof. Avv. Carlo Federico Grosso, del Foro di Torino e costituito dagli avvocati Nicola Barone del Foro di Bologna, Vincenzo Ioffredi del Foro di Roma, Michele Campolieti e Antonio Zio del Foro di Larino, Nicola Mancini del Foro di Campobasso, Giancarlo Ventrella del Foro di Lucera, al fine di veder tutelati i propri diritti.

Hanno altresì conferito incarico all’Avv. Franco Mancini di Campobasso per l’assistenza tributaria e fiscale riguardante l’attività della ONLUS.

I professionisti nominati hanno già tenuto in prima riunione in San Giuliano di Puglia in data 16/11/2002 con i genitori delle vittime.

In occasione di detto incontro hanno svolto anche un sopralluogo presso la scuola elementare Francesco Jovine attualmente posta sotto sequestro dalla Procura di Larino.

I professionisti, allo stato, sono al lavoro per il reperimento, presso gli organi e uffici competenti, di tutta la documentazione necessaria per delineare e individuare le responsabilità in ordine al tragico evento e per definire le conseguenti iniziative giudiziarie.

I professionisti hanno assicurato la più ampia tutela, in ogni sede giudiziaria, di tutti i diritti dei propri assistiti.

Portavoce unico del gruppo di legali è stato designato il Prof. Avv. Carlo Federico Grosso.

 

Associazione <<San Giuliano di Puglia 31/10/2002 ONLUS>>

 

Il Presidente

Sig. Adriano Ritucci


 

COMUNICATO STAMPA N. 7                                                                 23.11.2002

Come Comitato Vittime della Scuola, e per vittime della scuola intendiamo non solo quelle persone che sono morte nel tragico crollo di quel tragico 31 di ottobre, ma anche quanti ancora lottano per riconquistare una agognata normalità e ritrovare la serenità perduta sotto le tende o nei residence, lavorando attivamente per essere parte in causa in una ricostruzione che sta avvenendo in una stanza dei bottoni sempre più lontana da noi cittadini, esprimiamo tutta la nostra disapprovazione verso la proposta di quanti propongono un nome nuovo  per questo angolo di mondo: San Giuliano degli Angeli. San Giuliano non ha bisogno di nomi nuovi, ha bisogno di trovare la forza per scrollarsi di dosso le macerie della scuola. Ci sembra che proposte di questo genere, morbose e assolutamente fuori luogo, non facciano altro che alimentare una inutile piaggeria, distogliendo l'attenzione da un fatto fondamentale: il fatto che il terremoto non è affatto passato con le scosse che nel corso dei giorni si sono mano a mano affievolite, il terremoto è ancora in corso . E' in corso nella gran confusione che regna sovrana, nei dubbi che chi non sa ancora tempi e modalità della ricostruzione, è in corso nei nostri pensieri, ricordi.  Nei nostri cimiteri, nelle mille e mille cose che ci sono da fare per superare questo momento.
Il proposito di chiamare questo paese, finora dimenticato anche dalle carte geografiche "San Giuliano degli Angeli",  sicuramente in buona fede ma assolutamente fuori luogo in momenti come questi,  non fa altro che alimentare intorno a questa triste vicenda  vuoti sentimentalismi, che non servono a nessuno, e soprattutto non servono a noi che guardiamo avanti e cerchiamo  verità e progetti seri.
Questo paese si chiamerà semplicemente come si chiama da secoli, San Giuliano di Puglia, perchè intende cambiare in meglio, non intende nascondersi dietro i cadaveri dei propri figli.

COMUNICATO STAMPA N. 8

Qui a San Giuliano di Puglia la fase di prima emergenza è terminata, ma prima che i riflettori si spengano desideriamo ringraziare tutti quelli che ci hanno dato una mano in questi giorni, portando un contributo fattivo in momenti in cui per noi, tra tante difficoltà contingenti, era molto difficile orientarsi.

In primo luogo intendiamo ringraziare in maniera particolare i Vigili del Fuoco, ai quali rivolgiamo un abbraccio e una stretta di mano infinita, a quegli uomini che sono stati i primi a precipitarsi in questo inferno, da tutta Italia tra le macerie della scuola, nelle nostre case devastate. Un grazie particolare allora a questi uomini che con grande dedizione sono andati con la loro opera al di là dei doveri professionali e ci sono stati vicini in maniera fattiva, proficua e hanno contribuito alla rinascita della speranza da cui procederà la rinascita di san Giuliano di Puglia.

Esprimendo quindi un sentimento diffuso e condiviso da tutta la comunità diciamo loro

 

GRAZIE DI CUORE


COMUNICATO STAMPA N. 9

 

Abbiamo oggi incontrato il Presidente della Regione Molise Michele Iorio, il quale ha formalmente riconosciuto il nostro Comitato e ha appezzato la nostra posizione istituzionale nell’ambito della ricostruzione, alla quale vogliamo partecipare secondo quelli che sono i nostri obiettivi statutari.

Abbiamo espresso le nostre critiche all’operato del Sindaco Dott. Antonio Borrelli circa il suo operato durante la dura fase di emergenza dei primi giorni; e le nostre perplessità riguardo alla gestione dell’Amministrazione Comunale in questo periodo.

Come Comitato Vittime della Scuola abbiamo chiesto per tramite del Presidente Iorio al Presidente del Consiglio dei Ministri Dott. Silvio Berlusconi un impegno serio in questa delicata fase, e incontri relativi alla definizione del programma della ricostruzione.

Il Presidente Michele Iorio  si è impegnato a fornire al nostro Comitato risorse umane e tecniche per individuare di concerto con i tecnici preposti alla ricostruzione l’esatta area sulla quale verrà ricostruita San Giuliano di Puglia e risorse umane e tecniche   di ausilio all’attività del Comitato stesso.


COMUNICATO N. 10

 

Questa mattina il Comitato Vittime della Scuola ha incontrato, presso il Cimitero, il Segretario di Stato Vaticano Card. Ruini. il Cardinale ha portato il cordoglio suo e della santa Sede alle famiglie delle vittime, ed ha apprezzato e condiviso le finalità dell'Associazione indicate nello statuto. Successivamente, sempre in via informale, ha fatto visita agli ospiti della Tendopoli.

Comunicato N. 11

 

 

Il comitato delle vittime si stringerà attorno a voi il giorno 4 Dicembre per

commemorare Santa Barbara.


COMUNICATO N. 12

Abbiamo intenzione di organizzare, tra le altre cose, un centro di documentazione permanente che serbi la memoria di quanto successo  il 31 di ottobre e nel periodo successivo. Chi è in possesso di materiale fotografico e video  e volesse fornirlo a questo scopo ci fornirà un valido contributo.