L'abbandono del volontariato

LA SITUAZIONE A JESI

Lo stato dell'ambiente a Jesi - Un recente studio commissionato dal comune afferma che l'ambiente a Jesi già ora è stressato. Perché non si analizzano le statistiche sui casi di tumore nella Vallesina e si prendono provvedimenti? L'Italia è in ritardo con il protocollo di Kyoto, infatti, entro il 2008-2012 dovrebbe ridurre del 6,5% le emissioni di anidride carbonica, invece, dal '90 al '98 nonostante le linee guida e le "misure" adottate le emissioni sono aumentate del 6,3%! Le cause dell'aumento delle emissioni sono le auto e i camion salite del 15% e quelle delle centrali termoelettriche e delle raffinerie salite del 10%. Cosa abbiamo nella Vallesina?
Centraline - Attualmente è possibile conoscere i dati delle centraline di rilevamento dell'inquinamento dell'aria con un ritardo di alcuni giorni e anche se fossero del giorno prima sarebbero inutili (respiriamo l'aria di oggi e non quella di ieri!). Quando avremo i dati in tempo reale sul sito del Comune?
Interporto - Non dimenticate che esiste ancora l'ombra dell'incubo interporto che tutti continuano ad indicare come centro di scambio gomma-rotaia, quando in realtà soltanto il 14-25% del traffico verrà scambiato tra TIR e Treni. L'Interporto farà aumentare in modo smisurato il traffico sulle nostre strade ed in particolare sulla superstrada (SS 76) con il "naturale" ulteriore aumento di inquinamento.
Contributo annuo - Il Comune non ci ha riconosciuto il contributo che ogni anno viene rilasciato a tutte le associazioni di volontariato per l'anno 1999 affermando che il nostro bilancio non era in negativo. Non sarà forse un'altra la motivazione?

LE PROPOSTE DEL WWF

In vista delle prossime elezioni amministrative lanciamo delle proposte per la prossima giunta comunale.
Pista ciclabile e verde nella ZIPA - Perché non dotare le enormi strade della ZIPA di piste ciclabili e di viali alberati? Oltre a fornire un'alternativa all'auto come mezzo per andare al lavoro si migliorerebbe l'impatto di tanto cemento e catrame.
Alberi - Piantiamone a volontà! Gli effetti negativi dell'abbattimento selvaggio nelle altre aree del pianeta, e il continuo aumento dei gas di scarico inquinanti, possono essere frenati soltanto da una concreta presa di coscienza della situazione. Ricordiamo che gli alberi assorbono anidride carbonica, causa dell'effetto serra. La riduzione delle precipitazioni, la desertificazione, lo scioglimento dei ghiacciai non sono più soltanto argomenti dei "fondamentalisti" ambientalisti, come dice qualcuno.…
Bioedilizia e cave - Conosciamo tutti l'effetto delle cave nella zona Gola della Rossa e Frasassi, eppure nonostante esistano già da tempo delle più che valide alternative al cemento armato per la costruzione delle abitazioni, queste non vengono adottate. Perché il comune non impone ai costruttori edili della zona delle norme di bioedilizia?Nuove abitazioni e appartamenti sfitti - Sentiamo in continuo lamentele per i costi elevati dei nuovi appartamenti e seppur necessario un rinnovamento delle abitazioni, Jesi è una delle città con il maggior numero di appartamenti sfitti. Perché il comune non incentiva l'uso degli appartamenti esistenti ad esempio riducendo in modo più significativo l'ICI per quegli appartamenti che sono locati e aumentandolo per gli altri?
Asse nord e sud - Il primo soltanto se realmente diminuirà l'inquinamento e comunque solo se si realizza un'opera a basso impatto ambientale, per il secondo ci deve essere una chiusura reale al traffico pesante e la realizzazione di un tracciato alternativo di collegamento. Queste nuove strade non dovranno rappresentare la scusa per la realizzazione di nuove aree edificabili, per non ricadere nella stessa situazione dei quartieri del Prato, Gallodoro, via XXIV Maggio,…. e dovranno essere coinvolti i cittadini. Nel frattempo i mezzi pubblici e i mezzi del comune dovranno iniziare ad essere alimentati con il BioDiesel e si dovrà realizzare una rotatoria all'incrocio tra Via Ancona e via Fontedamo.
Camerata Picena - Quando verrà chiusa la centrale elettrica?
Il dovere morale - Auspichiamo una maggiore collaborazione tra le associazioni di volontariato, una maggiore partecipazione dei cittadini e delle istituzioni che rispettino e facciano rispettare il diritto a respirare un'aria pulita, diritto sancito dalla Costituzione Europea. Da anni seguiamo le vicende ambientali della Vallesina ma, fino a quando saranno soltanto pochi ragazzi che svolgono opera di volontariato, NON SI RIUSCIRA' MAI ad ottenere dei risultati concreti per il futuro della TUA SALUTE! Molti di Voi penseranno "Tanto non possiamo fare nulla". Ebbene noi ripudiamo con tutta la forza atteggiamenti di questo tipo e Vi invitiamo ad attivarVi!Contattateci, aumentiamo di numero e creeremo una corrente di pensiero!

Torna all'indice del notiziario