Una verifica, ma vera

Ben venga questa agognata stretta di mano sulla Turbogas, anche se costa lo sfaldamento della coalizione di centrosinistra che nove mesi fa ha stravinto le elezioni cittadine. La segreteria provinciale dei Democratici di sinistra la pensa in sostanza così: plaude al voto positivo del consiglio di venerdì (quello che ha sancito di fatto il distacco di Verdi e Rifondazione) e chiede al sindaco diessino Polita di cogliere l'occasione per un riassetto della maggioranza che dia più tenuta all'esecutivo. I Ds della federazione anconetana esprimono in una nota "soddisfazione per l'avvenuta approvazione della convenzione tra l'amministrazione Comunale di Jesi e il Consorzio Jesi Energia, nella seduta del consiglio comunale di venerdì scorso". Quanto avvenuto, secondo la segreteria provinciale della Quercia, "premia il percorso politico amministrativo del Sindaco di Jesi Marco Polita, che tramite lo strumento della convenzione e il metodo della concertazione è riuscito a coniugare legittime esigenze di sviluppo economico ed industriale con la tutela della salute dei cittadini e dell'ambiente". La nota ricorda gli "indubbi meriti dei Democratici di Sinistra di Jesi che, sempre in piena coerenza con il criterio dello sviluppo sostenibile, si sono politicamente spesi a tutti i livelli per il raggiungimento di questo risultato". La convenzione approvata venerdì sera "sancisce pienamente si legge nel comunicato - la politica del nostro partito che ha sempre sostenuto che le centrali di cogenerazione in Provincia di Ancona fossero due: quella dell'API a Falconara e quella della Edison-Sadam di Jesi; scelta politica che riconfermiamo con forza. Abbiamo sempre altresì sostenuto che la centrale funzionante alcuni mesi all'anno a Camerata Picena, tecnologicamente obsoleta, andasse al più presto dismessa e chiusa". La federazione Ds non trascura poi la stretta necessità che "presto la Regione approvi il Piano Energetico Regionale" in modo che, secondo quanto confermato dal Ministero dell'Industria, "nella Provincia di Ancona non vi siano ulteriori insediamenti di produzione energetica oltre quello di Falconara e di Jesi. E' altresì importante che la Regione assuma pienamente il compito di arrivare al più presto alla riconversione del sito di Camerata Picena, dopo che la centrale verrà dismessa dall'Enel, nell'ottica di quanto previsto dal Decreto Bersani". Quanto ai rapporti guastati in seno alla coalizione di centro-sinistra che amministra Jesi, la segreteria provinciale dei Democratici di sinistra, prende atto "del grave atteggiamento politico tenuto dai Verdi e da Rifondazione Comunista" e chiede al sindaco Polita "di procedere ad una reale verifica politica e programmatica della maggioranza che lo sostiene e di assumere atti e scelte conseguenti nella ridefinizione dell'assetto politico della giunta, in modo che l'esecutivo assuma visibilmente l'espressione di una maggioranza politica solida e coesa". Ma Polita, che domani s'incontrerà con i Verdi, sembra più impegnato a fare che a disfare: "E' mio preciso dovere" commenta - tentare ancora di tenere compatta la maggioranza, recuperando in primis i Verdi, che sono in giunta (con l'assessore Marini dimissionaria, ndr), ma senz'altro anche Rifondazione. Questo soprattutto per una forma di rispetto degli elettori che hanno premiato questa coalizione come un insieme di forze politiche, indipendentemente dal peso specifico di ciascuna di loro". (l.s)

Torna alla Turbogas

A cura del WWF - Sezione di Jesi