MARIA PIA


L'area di Maria Pia si sviluppa dalla fine di via Lido e comprende tutta l'area delimitata da via Liguria, viale I° Maggio e dalla strada che costeggia la Laguna del Calich fino all'intersezione con la strada che porta a Fertilia

Lungo viale I° Maggio, superato I'Ospedale Marino, si trova la pineta artificiale di Maria Pia. Essa fu impiantata con la con la bonifica attuata nel 1933 dall'allora esistente Ente Ferrarese.L' impianto artificiale comprendeva alberi di eucalipto, di pino domestico e di pino marittimo.

La pineta oggi è ricca di ginepro coccolone, lentisco, cisto, ruta , rosmarino, pungitopo, spazzaforno o passerina e asparago dei boschi. Verso la spaggia troviamo la rucchetta marina, la viola di mare, la scandalida, il giglio di mare, il garofano di mare, la margherita di mare e l'alisso. Nelle retrodune troviamo l'euforbia, la vedovina, il piumino, la malva, l'acetosella, il cipollaccio e l'ortica. In prossimità della strada crescono le più comuni allattalepre, fumosteno, borragine e il crisantemo giallo.

Oltre la pineta vi è la spiaggia di Maria Pia che, con le sue dune, si unisce alla spiaggia del Lido di San Giovanni.

Sempre lungo viale I° Maggio, sul lato destro, si trova la vasta distesa di verde di Maria Pia, che guarda la Laguna del Calich sul lato opposto.

Maria Pia ha diversi ingressi: via Liguria, con diverse strade parallele che comprendono le abitazioni date dall'ETFAS ai suoi dipendenti; viale I° Maggio e la strada che costeggia il Calich.

Nel cuore verde di Maria Pia troviamo diverse strutture sportive, i caseggiati della storica azienda agricola, la cripta aragonese, l'Istituto d'Arte, un noto albergo estivo, alcuni agglomerati abitativi, la villa Segni e il Palazzo dei Congressi non ancora funzionante.


pagina principale