LA COSTA TIRRENICA  

In linea d'aria la costa tirrenica si estende dalla foce del fiume Noce fino al promontorio di Scilla, dominato da un maestoso castello. Essa non Ŕ molto frastagliata, presenta solo due insenature: il Golfo di S. Eufemia ed il Golfo di Gioia Tauro.

Tutto il litorale Ŕ caratterizzato dai cosiddetti <<scal¨ni>> ovvero terrazzamenti marini formatosi nell'Era Quaternaria consistenti in depositi e conglomerati di sabbia che contribuiscono a conferire al paesaggio quella originalitÓ unica che solo il moto ondoso ed il lavorio (risarca) del mare possono dare nel corso dei millenni.

Anche l'orogenesi non fu da meno. Infatti per lunghi tratti la costa Ŕ compressa da alte montagne presentandosi di frequente dirupata e scoscesa, nella quale si possono vedere rocce arcaiche fratturate in profonditÓ da violenti terremoti o sprofondate nello specchio d'acqua antistante. Queste sono evidenti sulla Costa Viola alle pendici del monte S. Elia lungo la scogliera di Capo Vaticano.

Mentre nella parte nord il fenomeno erosivo Ŕ dovuto da millenni principalmente alla presenza di fiumi e torrenti come il Lao, l'Argentino, l'Abatemarco, il Vaccuta, il Corvino ecc., che formano spettacolari gole fluviali, incidendo in profonditÓ la roccia, prevalentemente calcarea, che contraddistingue le incombenti formazioni montuose come il ripido Massiccio del monte Pellegrino, di quello della Montea e dell'imponente mole del monte La Caccia alle cui pendici si trovano Diamante e Cirella...


|Homepage|