Home Home Page Bisenti Commenti Sommario Ricerca Bisenti..cenni storici                      stemma4.jpg (4727 byte)
Bisenti..cenni storici Fonte vecchia Uva e Vino Montonico chiesa S.Maria degli Angeli Ponzio Pilato Torre medioevale Benvenuti al sito ufficiale della PRO LOCO "Lido Panzone" di Bisenti .... !!!! vieni a trovarci ........Grande successo : I primi 3 giorni ...abbiamo sfiorato le 200 presenze !!! un grazie a tutti Voi ....

                                                     

[In allestimento]

Bisenti ..cont...altre foto
Pasqualino Canzii

           

          bisvispa.gif (70415 byte)        bisneve.gif (70269 byte)

                                Bisenti ..... vivi il sole e ..... la neve.                    

Bisenti (274 sul livello del mare, a 31 chilometri da Teramo) un centro situato alle falde nord-orientali del Gran Sasso, alla destra dell’alto corso del fiume Fino. Popolato da et preromana, il territorio di Bisenti appartenente dal XII secolo all’abbazia di Montecassino; nel 1279 l’ebbero gli Acquaviva, poi vari altri signori, fra cui gli sforza ed i Fallerio. Nonostante il glorioso passato caratterizzato da fasti ricchezze, negli ultimi decenni si avuto un brusco calo demografico (attualmente conta circa 2500 abitanti). Le risorse principali sono: l’agricoltura (grano, foraggi, olio e vigneti con la qualit "Montonico" ) ed il commercio che, soprattutto negli anni scorsi, ha rappresentato il vero e proprio "polmone" economico dell’intero territorio.

Della storia illustre del paese conserva importanti testimonianze: la chiesa madre di Santa Maria degli Angeli (XV-XVI secolo) annoverata tra le maggiori basiliche abruzzesi; realizzata a pianta rettangolare e ad una sola navata, l’intera costruzione, arricchita dal campanile di 40 metri, domina piazza Vittorio Emanuele. All’interno della chiesa, oltre agli affreschi attribuiti a Giacinto Diana, Giuseppe Gianni e Angelo Ronzi, conservata la preziosa Madonna degli Angeli , una statua in terracotta realizzata da Francesco Gagliardelli (XVI secolo), considerata un capolavoro dell’arte sacra abruzzese. Altre chiese presenti sul territorio sono quella quattrocentesca di Sant’Antonio Abate (dove ha sede permanente la statua del santo patrono degli animali) e la chiesa di San Pietro nella frazione omonima.

Caratteristiche sono le vie e le piazze del centro storico: via del Supporto, piazza Dante, via Rampigno, piazza Vittorio Emanuele, via Codacchio, piazza Regina Margherita. Da menzionare l’antica Torre Medioevale (unica rimasta dalle tre torri che svettavano sulle mura di cinta), la caratteristica Fonte Vecchia , il Belvedere e la casa Badiale realizzata nel XV secolo ad opera degli Acquaviva e appartenuta ai padri Celestini (sulla facciata vi uno stemma del 1479). Numerosi i bisentini illustri, tra cui bartolomeo da Bisenti, Il pittore Quintino Catitti, Lamberto De Carolis poeta e scrittore del nostro tempo, l’artista contemporaneo Ennio Di Vincenzo. La leggenda riferisce che Bisenti abbia dato i natali a Ponzio Pilato ; nella presunta abitazione possibile aprezzare l’antico pozzo-cisterna collegato tramite una serie di cunicoli alla Fonte vecchia, e il loggiato di impianto medievale. Originario di bisenti anche il Servo di Dio Pasqualino Canzii , il giovane seminarista morto nel 1930 a Penne all’et di 15 anni.

Bisenti anche un centro delle FESTE e del FOLCLORE; il Revival dell’uva e vino Montonico, che si svolge immancabilmente la prima domenica di ottobre, l’appuntamento di maggior rilievo con la sfilata dei carri allegorici per le vie del paese e l’allestimento di stands enogastronomici per la vendita dei prodotti tipici locali. E poi, la festa di Santa Maria degli Angeli il 2 agosto con la processione descritta da Gabriele D’Annunzio nelle "Novelle della Pescara", la festa di San Pasquale Baylon e San Gabriele dell’Addolorata del 17 maggio, e quella dedicata a San Antonio abate (17 gennaio) con la rappresentazione itinerante del "Sant’Antonio" secondo gli antichi usi e costumi.

Infine, per gli amanti della buona tavola, Bisenti pu rappresentare un vero e proprio "paradiso": la tradizione culinaria, forte e radicata grazie anche alla presenza di numerosi ristoranti e aziende agrituristiche, rende il paese dell’alta valle del Fino uno dei pi importanti centri del teramano. Un motivo in pi per venire da queste parti e portare a casa un ricordo genuino e spontaneo.

 

 

 

Home ] Bisenti ..cont...altre foto ] Pasqualino Canzii ]

Inviare a bisenti@tiscalinet.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Aggiornato il: 10 ottobre 1999