No al nucleare a Scanzano Jonico                                                                Home Page

Tradizione (dialetto, proverbi, giochi, mestieri, festa patronale, ecc.)

TRADIZIONE

.
Il dialetto
Giochi del passato
Soprannomi 
Filastrocche
Proverbi
Banditore pubblico
I mestieri antichi
La banda
Festa patronale
Ricette nostrane
La civilt contadina
Toponimi
Ricordi miglionichesi
Matrimonio anni '50
 

 

                
Home Page
 
 
E-mail
 
 

 

I DETTI ANTICHI

Last update: sabato, 11 settembre 2004 16.39.13 (n. 349)
Abbatt' lu piett' quann' pass' Crist' dananz'a cast' Batti il tuo petto, quando passa Cristo davanti casa tua
 A squagghiat' d' la nev' iess'n l' strunz' Quando la neve si scioglie, vengono fuori i problemi, le difficolt
Attacch' lu ciucc' add vol' lu puatrun' Lega l'asino dove vuole il padrone
Avor'j ch' la neggh', i na mevaviggh' Quando tira la tramontana e c' la nebbia, un buon auspicio
B
Buon' tiemp' a Cann'lor, lu viern' i ndret' ancor' Se alla Candelora  fa bel tempo, l'inverno ancora lungo
C
Cad' lu ciucc' mazzat' a lu ciucc'; cad' lu puatrun', mazzat' a lu ciucc' Cade l'asino, botte all'asino; cade il padrone, sempre botte all'asino
Cad' lu zuappator' e i 'mbriachezz', cad' lu ialantom' e i d'sgraz' Cade il contadino ed ubriachezza, cade il galantuomo ed disgrazia
Ch' n'asc'n' d' pep' pierd' la m'nestr' Per un acino di pepe, butti la minetra
Ci i franch', iung'm' tutt' Se (l'olio) gratis, allora ungimi tutto
Ci la c'podd' i fort', mangiatill' a picch' a picch' Se la cipolla ha un fote sapore, mangiatela un po' alla volta
Ci la zapp' ier' bbon', zappav' pur lu ialantom'n' Se lo zappare non fosse faticoso, zapperebbe anche il padrone
Ci nan chiov' e tira vinet', da iess' buon' tiemp' Se non piove e tira vento, far bel tempo
Ci nan tien' lu vua' e l' va acchiann', nann Crist' ca t' l' mann' Chi non ha guai e ne va in cerca, non Cristro che glieli manda
Ci nan vuo' venn' lu mier' lev' la frasch' Se non vuoi vendere il vino togli la frasca
Ci si fess', statt' a cast' Se sei stupido, resta a casa tua
Ci ten' panz', ten' cr'ianz' Chi ha pancia, ha creanza
Ci tratt' ch' le crietorr', t' iacch' cu  u liett' p'sciat' Se hai a che fare con i bambini, ti ritrovi con il letto bagnato
Ci tutt' l'auciell' canuscev'n' lu iuruan', n'sciun' ve met' Se tutti gli uccelli conoscessero il grano, nessuno riuscirebbe a mietere.
Ci vuo' lu luampascion', t' l'ha cav Se vuoi qualcosa, te la devi sudare
Ci vu iegn' lu ciudduar', zapp' e put' lu mues' d' sc'nnar' Se vuoi riempire la cantina di vino, zappa e pota nel mese di gennaio
Cummurciant' e puorch' s' m'sur'n' dopp' muort' Commercianti e porci si pesano (valutano) dopo la aloro morte
Cu nu colp' do' f'cet'l' Con un colpo (di fucile) due fringuelli
Curt' e mal' cavat' Corto e malfatto
D
Da l' solt' nasc'n' solt', da l' pducch' nasc'n' p'ducch' Dai soldi nascono soldi, dai pidocchi nascono pidocchi
Do lion' nan fasc'n' fuoc', tre n' picch', quatt' lu fuoc' fatt', cing' e sej' lu fuoc' i du lu re Due pezzi di legna non producono fuoco, tre un po', quattro un buon fuoco, cinque e sei un fuoco da re.
Donna cuntruar'j, quann' chiov', va a mett' l'acqua a l' iaddin' La donna dispettosa porta l'acqua alle galline, quando piove
Do non s' va, salv' n' vien' Da dove non si va si torna salvi
Dopp' la fest' d'lor' d' sacch' Dopo la festa, la tasca rimane vuota
Dopp' tre sc'lat' o na bona ch'vut' na bona n'v'cat' Dopo tre gelature o una buona pioggia una buota nevicata
E
F
F'bbrar' curt' e amar' Febbraio corto e amaro (freddo)
Fati(j)' ca nan a mur mich' e pienz' ca a mur cra Lavora pensando che non morirari mai, ma pensa che morirai domani
Fest' e murtucedd' va acchiann' la zit' La sposa va sempre in cerca di feste varie
Fusc' quant' puot' Corri per quanto ti possibile
G
H
I
Iacqua a stizz' romp' la pesc'ch L'acqua a gocce riesce a rompere le pietre
Iart' ch' iart', lu lup' a l' pech'r Ognuno al posto giusto
I ch'vut' e n'v'cat' e tutt' le foss'r' i apparat' Con la pioggia e la neve si sono riempiti tutti i fossi
I meggh' av cient' amisc' e no' cient' m'liun' E' preferibile avere cento amici e non cento milioni
I meggh' vient' da tutt' l' vann', ca non cudd' da inta lu cuar'vutt' E' meglio il vento che arriva da ogni parte, che non quello che proviene da un foro
I'ridd' i'ridd' ogne iun penz' a idd' Grillo grillo ognuno pensa a s stesso
L
La cann' i strett' e s' fi'd' d' mangi nu tett' La gola stretta, ma riesce a ingoiare un tetto
L'accett' d' l'olt' spacch' le petr' L'ascia degli altri spacca le pietre
La ch'tarr' 'mman' a l' pastur' La chitarra in mano ai pastori
La figghia mar'tat' i come lu stupuon' abbandunuat' La figlia sposata come un armadio abbandonato
La iaddin' fasc' l'uov' e a lu iadd' dusc'ch' lu cul' La gallina fa le uova e il gallo sente il prurito al sedere
La iatt' 'mbressarol' fasc' l' figgh' c'cat' La gatta frettolosa fa i figli ciechi
La gent' senza figgh' na' scenn' n a cunsuiggh' n a sold' 'mbriest' Le persone sensa figli non chiede n consigli n soldi in prestito
La merd' chi la gir' e chi puzz' La cacca pi viene smossa e pi puzza
La parol' ca nan s' dic' i la meggh La parola che non si dice la migliore
L'erv' ca nan vu 'nda l'uort' nasc' L'erba che non desideri cresce nell'orto
L'erva trist' na l' vol' manch' Crist' L'erba triste non la vuole neanche Cristo
Lion' d' fich' e mal' marit' meggh' mich' Legna di fico e cattivo marito meglio non averne
L' pett'l' ca nan s' fasc'n' a Natal', nan s' fasc'n' cchi Le pettole che non si fanno a Natale, non si fanno pi
L' solt' d' lu cuarrucchiual' s' l' frech' lu sciampagnon' I soldi dell'avaro se li consuma lo spendaccione
Lu ciucc(i) l'arrach' la paggh' e lu ciucc(i) s' la frech' L'asino trasporta la paglia e lui se la mangia
L' solt' fasc'n' v'n la vist' al' c'cat' e fasc'n' ass l muort' da sotta terr' I sonno danno la vista ai ciechi e fanno uscire i morti da sotto terra
Lu cualli' mmocch' a lu puorch' Il confetto in bocca ad un maiale
Lu ditt' d' lu pruev't':"Fa' com' dich' i e nan fascenn' come fazz' i(j) Il detto del prete: "Comportati come dico io e non come mi comporto io"
Lu iuorn' da Cann'lor' abball' lu fruat' ch' la sor' Il giorno della Candelora balla il fratello con la sorella
Lu mueggh' amich' la megghia p'trat' Dal miglior amico aspettati il peggior male
Lu mueggh' amich' vol' iess' accis' Il migior amico merita di essere ucciso
L'uocch' d' lu puatrun', 'ngrass' lu cuavadd' L'occhio del padrone, ingrassa il cavallo
L' scal' so d'v'ntat' sedie' e l' sedie' so d'v'ntat' scal' Le scale sono diventate sedie e le sedie sono diventate scale
L'ult'm' a cumpuar fu ciampacort' L'ultimo ad apparire fu gambacorta
L'umbrell' nan s' ten' sol' quann' chiov' Non si tiene l'ombrello solo quando piove
Lu pod'c' 'nda a farin' La pulce nella farina crede di essere mugnaio
Lu rutt' port' a lu suan' Il malato aiuta il sano
Lu tiemp' d' l' m'lun', lu curtiedd' serv' a lu puatrun' Durante la raccolta dei meloni, il coltello serve al padrone
Lu vo' disc' c'rnut' a lu ciucc(i) Il bue dice cornuto all'asino
Lu vuai' d' la p'gnat' l' sap' la cucchiuar' I guai della pignata li conosce solo il cucchiaio
M
Mang' la faf' e stip' lu nuasiedd' Mangia la fava e conserva la corteccia
Marz' ch' la papazz' l' pecur' tegn' a lu iazz Quando marzo sonnolento, tengo le pecore nell'ovile
Mandulin', ch'tarr' e sc'cuppuett' manten'n' la casa nett' Il dedicarsi solo alla musica o alla caccia non fa la fortuna di una famiglia
Meggh' na mala crianz' ca nu mual' de panz' E' meglio commetere una cattiva azione che soffrire per un mal di pancia
Muozz'ch' e stip' Dai un morso e metti da parte
N
Na' l' son' la chiamat' Non gli va di ascoltare
Nan'g muort' senza ris', nan'g ris' senza chiant' C' sempre un motivo di sorriso durante un funerale, un motivo di pianto durante una festa
Nann' stat' buon' a latt', fiur't' a sier' Non stato buono come latte, figurarsi come siero
Nan  n' vol' paggh' lu ciucc' L'asino non vuole la paglia
Nan tien' terr', nan tien'vign' e va acchiann' d' pai la fuduar(ie) Non hai n terre, n vigne, ma vuoi pagare la fondiaria
Na volt' pass' l'angel' cu lu puanariedd' Una sola volta sei toccato dalla fortuna
'Na volt' pass' Crist' da 'nnanz' a cast' Una volta passa Cristo davanti a casa tua
Nudd' ch' nudd' nan s' fasc' nudd' Niente per niente non si fa niente
O
Ogn' e figgh' iattariedd' a la mamm' l' par v'niedd' Ad una mamma sembra bellino anche un figlio che assomiglia ad un gattino
P
Patrun' d' bast'ment' va a barch' a affitt' Il proprietario di bastimento non possiede una barca
Q
Quann' cant' lu ciucc', tre iurn' chiov'  e n'or' allupp' Quando raglia l'asino, tre giorni piove e un giorno no
Quann' cant'n' assa' iadd'r', nan fasc' ma' iuorn' Quando cantano molti galli, non fa mai giorno
Quann' chiov' e men' vient', lu cuacciator' sta a abbient' Quando piove e tira vento il cacciatore non va a caccia
Quann' chiov' nan secch' nudd' Quando piove non secca niente
Quann' chiov' pass'l' e fich' Quando piove e appassiscono i fichi (cio mai)
Quann' maj l' zign'r' a met' Quando mai gli zingari vanno a mietere
Quann' iacch' lu mon'ch' a cast', pigghiatill' a ris' Quando trovi qualcuno a casa a te non gradito, accettalo con un sorriso
Quant' i da cast' a cas', tant' i da cas' a cast' Quanto la distanza da casa tua a casa mia, tanto da casa mia a casa tua
Quann' la femm'n' na r'sponn' a prima vosc', na l' son' la chiamat' Quando la donna non risponde subito, non d'accordo sul contenuto della chiamata
Quann' la iatt' nan 'g, lo sorg' abball' Quando il gatto non c', il topo balla
Quann' lu muarit' s' 'mbrei' ch' la m'gghier' va a tagghi lu cul a la ciocc' Quando il marito litiga con la moglie scarica la sua ira sull'asino
Quann' lu puanar' va e rest' l'am'ciz' s'arrest' Quando il paniere va e resta l'amicizia s'arresta
Quann' lu puanar' va e ven' l'am'ciz' s' manten' Quando il paniere va e viene l'amicizia si mantiene
Quann' 'ndron' a la marin', piggh' lu suacch' e va' a lu muluin' Quando tuona verso la marina, prendi il sacco e va' al mulino
Quann' 'ndron' a la muntuagn', piggh' la zapp' e va a uadagn' Quando tuona verso la montagna, prendi la zappa e va' a lavorare
Quann' ndrona chiov'; quann' allamp' scamp' Quando tuona, piove; quando lampeggia smette
Quann' s'mbre'j lu mulnuar', attacch' lu suacch' e vattinn' Quando il mugnaio sta facendo lite, riprenditi il tuo grano e portalo via
Quant' bell' a ggi' a met': mo s' mang' e mo' s' met' E' bello andare a mietere: ora si mangia e ora si miete
Quann' va, va r'tenn', quann' ven', ven' chiangenn' Quando va, va ridendo; quando torna,  torna piangendo
R
Rutt' d' cul' e senza cammis' Oltre al danno la beffa
S
Santa Chiar', dop' arrubbuat', va a mett' lu cuanciedd' d' fierr' Solo dopo aver subito un furto, si provvede a proteggere la porta con cancello di ferro
Scemm' a Nap'l' 'ng'nucchiul, scenn' v'nenn' accugghienn' b'ttun' Andammo a Napoli inginocchiati, andando e tornando raccogliendo bottoni
Sc'nnar' sicc', massar' ricch' Gennaio secco, massaro ricco
Scuost't', callar', ca m' ting(e) Allontanati, caldaia, perch mi sporchi
S' dic' lu puccuat', ma non lu puccuator' Si dice il peccato, ma non il peccartore
So l' supual' e tenn' l' recch' Anche le siepi tengono le orecchie
Spar' u cucombr' e va 'ncul' a l'urtuluan' Uno compie una cattiva azione, ma ad un altro se ne attribuisce la colpa
S' sci ch' fa la croc(e) e s' c'c l'uocch' Per farsi del bene, si fece del male
Stat'v' attient' ca stonn' l' zign'r'; fuscit' zign'r' ca mo venn'n' l' bandist' State attenti che stanno arrivando gli zingari; scappate zingari che stanno arrivando i bandisti
Sumunisc' quann' vuo', ca a giugn' s' met' Semina quando vuoi, ma ricorda che si miete a giugno
T
Tant' va la zzol' a l'acqua ca s' romp' La brocca si rompe se viene sempre usata per riempire l'acqua
Ting ting tang 'ng lu fuess' ca m' camp'; m' camp' la viol' minghiaril' vattinn' for' La moglie dice al marito di andare a lavorare in campagna per poterla sostenere
Tu si ca sa' addo dorm' lu llebbr' Chi conosce dove dorme la lepre una persona che sa molto della vita
Tiemp' da pass ca t'teggh' a car'v'ttua', disse lu puappot'l' a la fafodd' Tempo passer, ma ti devo bucare, disse l'nsetto alla fava
U
U mier' buon' nann'av' b'suogn' d' frasch' Il vino buono non ha bisogno di frasca per essere venduto
V
Va acchiann' la salut' da lu sputual' Vuoi la buona salute da un malato
Viest' cppon', ca par' baron' Un bel vestito rende bello chiunque
Vist' ca sim' fatt' trent', fascim' v'ntun' Visto che abbiamo fatto trenta, facciamo trentuno
Vol' t'ne' la votta chien' e la m'gghiera 'mbriach' Vuole avere la botte piena e la moglie ubriaca
Vuolt' e r'ggir' la mulugnuam', va semp' ncul' a l'urtuluan' Qualunque sia la soluzione, la stessa sempre negativa 
z

All rights reserved - Created by Antonio Labriola - Luglio 1999